Eccomi, naturalmente non potrò fare un resoconto cronologico ed esauriente di tutti i fatti e misfatti accaduti, ma sarà un estratto ( come il dado!!) degli avvenimenti più importanti, come per es. oggi è venuto a pranzo il ns tutorial ispiratore di idee e già si vedevano nei suoi occhi le scintitille di nuove proposte culinarie.. oppure i ns menù vegetariani che sono accompagnati da una casella per votare i ns piatti, più sotto quelli di questa sera, con un esito tra i più diversi… è risultato interessante lo strudel di crauti rossi e yogurt alle erbe(vedi foto) Ricettina:

ingredienti per la pasta brisèe:
500gr. di farina tipo “00”
150 gr. di burro
10 gr. di sale
acqua fredda q.b. per amalgamare l’impasto.
aggiungere il burro a pezzetti alla farina setacciata; mescolare così a secco amalgamando bene, poi versare il sale e l’acqua, impastare rapidamente, facendo attenzione che non diventi assolutamente elastica poi lasciarla riposare al fresco e coperta per un ora.
ingredienti per il ripieno:
un cespo di cavolorosso
parmigiano reggiano gr 200
olio extravergine di oliva
tuorlo d’uovo n.5
cipolla n.1
uvetta facoltativa
tagliate molto sottile il cavolo rosso e con un cucchiaio di olio e la cipolla affettata fatelo stufare lentamente il una padella coperta per circa 25 minuti, togliete dal fuoco e aggiungete gli altri ingredienti amalgamando il tutto. prendete la pasta e stendetela il più sottile possibile, spalmateci dentro il ripieno e arrotolatela facendola andare su un foglio di carta forno bagnato di succo di arancia; bagnate il dorso dello strudel e spolverate con semi di sesamo e mettete in forno per 20 minuti a 180°, comunque fino alla doratura della superficie.
questa è la ricetta tradizionale io però ho proposta la versione vegana:
burro di soia al posto del burro normale, germe di grano al posto del formaggio e una salsa di erba cipollina al posto della yogurt. C’è chi assaggiato tutte e due le versioni e hanno soddisfatto entrambe!
da sottolineare che ha giocato bene il contrasto tra la brisèe molto sapida, i crauti dolci e lo yogurt acido creando un buon sapore bilanciato.
Non raccontrò solo il vegetariano ma anche altri piatti del menù con relativa ricetta.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...